L’autoclave è un impianto che ha il compito di far aumentare la pressione dell’acqua potabile; e garantisce, nell' impianto di distribuzione dell’acqua sanitaria fredda, specie nei condomini o in ambienti molto grandi, che la pressione si mantenga costante. Così, anche coloro che abitano agli ultimi piani dei condomini, possono usufruire dell'acqua potabile, in egual modo e con le stesse condizioni di coloro che si trovano ai piani inferiori.

L'autoclave è così composta:

-una pompa elettrica, necessaria per far integrare nuovamente l’acqua e portarla nelle tubazioni alla pressione giusta.
-un pressostato, che sarà colui che determinerà quali siano i punti d’intervento della pompa elettrica così da garantire omogeneità nella pressione e di giusto reintegro nell’impianto.
-un serbatoio di raccolta acqua, al quale verrà attaccata l’aspirazione della pompa elettrica in modo tale che essa abbia sempre a disposizione l’acqua necessaria al reintegro nell’ impianto idrico sanitario.
-un separatore d’aria, vaso d’espansione detto in gergo idraulico “polmone” colui che rende stabile la pressione dell’acqua qualora che più richiesta e le pompe devono lavorare maggiormente ma per chi è in casa non senta lo sbalzo di richiesta. Oggi esistono anche autoclavi con il sistema inverter con pompe a giri variabili e una scheda elettronica che fa il lavoro meccanico di un separatore d’aria. Un polmone per autoclavi di un condominio è molto grosso ed ingombrante mentre il sistema inverter rende la nostra autoclave molto più snella compatta ed di miglior efficienza.

Per le vostre autoclavi assicuriamo assistenza e manutenzione costante.

Gruppi di pressurizzazione per sanitari: varie tipologie- Dab,Lowara,Grundfos,Ebara
Pompe asseverticale, con quadro inverter :Dab,Lowara,Grundfos,Ebara
Serbatoio prima raccolta acqua e stoccaggio: varie dimensioni- Acquarius, Cordivari